Lucrezia Marinelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Recensioni Ruby Sparks

Ruby Sparks

E-mail Stampa PDF

Regia di Jonathan Dayton e Valerie Faris 

Rcensione di Silvana Ferrari

 

Ruby Sparks è una commedia romantica, ironica, satirica e al contempo serissima con un soggetto nuovo e originale. Non mi riferisco al tema primo del film: il personaggio dello scrittore e della sua creazione  letteraria  che da oggetto di fantasia diventa personaggio umano in carne e ossa - idea già sfruttata in letteratura: il creatore che crea a propria immagine e volontà la sua creatura che, divenuta autonoma e indipendente, gli si ribella. Mi riferisco al tema che nel film è messo prioritariamente a fuoco, della dichiarata incapacità maschile di avere relazioni di scambio serie e reali -  come dovrebbe essere fra tutti gli esseri umani -, con l’altro sesso, le donne.

Il film, con soggetto e sceneggiatura di Zoe Kazan, che ne è anche la protagonista, diventa un lungo processo di autocoscienza maschile, una specie di percorso  di formazione durante il quale il protagonista Calvin, si confronterà con il proprio immaginario di ideale femminile e con i propri desideri e paure nei confronti delle donne.

Calvin, incapace di relazioni reali, crea un essere femminile che risponde ai suoi sogni, che gioisce con lui, lo asseconda, ma che è anche brillante, intuitiva, generosa e intelligente nella misura giusta per divertirlo e affascinarlo.

E Ruby realizza tutte le sue aspettative: non troppo dipendente, che risulterebbe noiosa, né troppo libera, che farebbe emergere  la sua gelosia e la sua eterna insicurezza. Di conseguenza  il creatore Calvin  fa e disfa modelli, che sono sue costruzioni mentali, compiacendo le sue ansie, e  di modelli femminili compiacenti ce ne sono a iosa: dall’ innamorata dipendente fino alla creativamente libera.

Insicuro nel rapportarsi alla donna reale che si è materializzata al suo fianco e inesperto nel vivere l’amore gli resta solo l’esercizio del potere: definire e ridefinire la donna, Ruby, dentro i suoi spazi e nel suo mondo mentale, facendola esistere solo nella relazione con lui.

L’accettazione del confronto, come del rischio di soffrire, è un passaggio, una presa d’atto sia della natura conflittuale del rapporto uomo – donna che  della possibilità di vivere reali relazioni d’amore. La presa di coscienza di Calvin, che è anche una crescita, libera il personaggio femminile dalle strettoie dell’immaginario letterario e psicologico rendendolo indipendente.

La coppia Jonathan Dayton e Valerie Faris aveva firmato la regia del fortunato Little Miss Sunshine (2007) un film premiato con due Oscar e molti altri prestigiosi riconoscimenti.

 

News

Immagine
Rassegna l'Occhio delle Donne 2015

Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 21.00  inizia la rassegna l'Occhio delle Donne al Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 a Sesto S. Giovanni. La... Leggi tutto...
Serata per Antonia Pozzi

Sabato 11 Ottobre alla ore 18 Presso la Libreria delle Donne di Milano - Via Pietro Calvi 29 - sarà presentato il documentario Il cielo in me. Vita... Leggi tutto...
Immagine
13 Marzo - In viaggio con Cecilia

Giovedì 13 Marzo ore 20.30 al Festival di Cinema Sguardi Altrove allo Spazio Oberdan di Milano il film In viaggio con Cecilia di Cecilia... Leggi tutto...
Immagine
Rassegna 2014 - Desiderio e determinazione femminile

DESIDERIO E DETERMINAZIONE FEMMINILE Ci piace sempre parlare di libertà femminile. In questi anni assistiamo alla sua affermazione in un movimento... Leggi tutto...
Vision 15 febbraio 2014

Sabato 15 febbraio alle ore 17.30 presso la Libreria delle Donne di Milano l'Associazione Lucrezia Marinelli ripropone il film Vision di Margarethe... Leggi tutto...
Immagine
BOOKCITY MILANO 2013

BOOKCITY MILANO 2013 VisiondiMargarethe von Trotta sabato 23 novembre, ore 17.30 La Libreria delle Donne e l’Associazione Lucrezia Marinelli, ... Leggi tutto...

email
CONTATTACI: info@lucreziamarinelli.org

Tel: 02/2482672

Tel: 02/2424640

Tel: 02/2553213

facebook


Sito realizzato da: Marco Ruberto