Lucrezia Marinelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Recensioni Lezioni di tango

Lezioni di tango

E-mail Stampa PDF

Regia di Sally Potter

Recensione di Zina Borgini

 

Oltre la necessità imposta dal doveroso aggiornamento per il lavoro che svolgo nell’Associazione Lucrezia Marinelli, altre curiosità hanno armato il mio sguardo di più attenzione e di riflessione su questo film. Una curiosità era vedere che cosa aveva confezionato questa volta la regista di “Orlando” capolavoro di delicatissima ambiguità che ha lasciato un segno autorevole nel persorso della cinematografia femminile e anche nella mia emozione. Altra curiosità mi ha suscitato il titolo, mi pareva una ripetizione del “The Piano” della Campion, tradotto poi in italiano in “Lezioni di piano”, mi incuriosiva capire il perché di tale scelta.
Le luci si spengono, nella sala il silenzio e tutta la mia attenzione. Già dalle prime scene è emersa di nuovo la bravura, l’eleganza e la forza di Sally Potter, in questo lavoro regista, ballerina ed attrice della sua autobiografia.
L’esasperazione del particolare, il rigore del colore (un B/N caldo per la realtà e rossi, gialli, blu esasperati per le scene di fantasia) le ambientazioni e la fotografia (di Robby Muller) rendono questa pellicola una miniatura di ricerca, di gusto e di intelligenza.
Senza essere sacrale o celebrativo, piuttosto rigoroso, con un dialogo scarno ma essenziale il film è riuscito a trasmettere la forza e la tenacia della protagonista. Quando Sally, per caso vede ballare Pablo Veron famoso ballerino di tango, scatta in lei il desiderio di conoscerlo ed immediatamente chiede delle lezioni di tango.
Da qui in poi tutto un susseguirsi di flash intelligentemente sincronizzati e scanditi dagli incontri (12) che serviranno alla regista per raccontarsi: dell’amore, della professione e dei meccanismi di potere che scattano quasi inconsciamente, ma inevitabili all’origine di un rapporto.
Nasce fra i due un sentimento, forse amore. Guido io o tu, nel ballo e nella vita è la domanda reciproca. E la risposta? La risposta sta nella ricerca di una mediazione.
Sally con pazienza e calma, dolce ma risoluta riesce a mettere in discussione l’irruenza del giovane insegnante. Dà voce e nutre il rapporto non lasciandosi coinvolgere dalla passione ma osservandone i limiti e le differenze con critica attenzione, accettando anche di poter essere guidata.
La crisi di smarrimento e di timore di Pablo vengono trasformate con i suoi impulsi intellettuali in nuovi pretesti di complicità sia professionale che sentimentale. Ineluttabile la sua superiorità nel condurre la difficile partita. E’ vincente perché la sua non è una battaglia ma una crescita rafforzata dalla gioia seducente di un nuovo amore.
A mio parere questo film è un omaggio alla forza del pensiero femminile che dà vita e conserva.
Tanti i riferimenti e le analogie a film ed opere famose: a “Ultimo tango a Parigi” per le riprese nei caffé dove si balla, a “Lezioni di Piano” un tuffo purificatore nell’acqua, a “West side story” per le filate di ballo in gruppo, un omaggio a Delacroix per la sua tela “Giobbe e l’angelo” ed ecco che forse anche il titolo è un omaggio.
Quando le luci si sono riaccese il giudizio è stato immediato e la sua comprensione è passata attraverso il mio corpo, i miei piedi cercando i passi del tango, le mie mani avevano voglia di pennelli e non ho avuto paura di ammettere di avere bisogno d’amore.

 

News

Immagine
Rassegna l'Occhio delle Donne 2015

Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 21.00  inizia la rassegna l'Occhio delle Donne al Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 a Sesto S. Giovanni. La... Leggi tutto...
Serata per Antonia Pozzi

Sabato 11 Ottobre alla ore 18 Presso la Libreria delle Donne di Milano - Via Pietro Calvi 29 - sarà presentato il documentario Il cielo in me. Vita... Leggi tutto...
Immagine
13 Marzo - In viaggio con Cecilia

Giovedì 13 Marzo ore 20.30 al Festival di Cinema Sguardi Altrove allo Spazio Oberdan di Milano il film In viaggio con Cecilia di Cecilia... Leggi tutto...
Immagine
Rassegna 2014 - Desiderio e determinazione femminile

DESIDERIO E DETERMINAZIONE FEMMINILE Ci piace sempre parlare di libertà femminile. In questi anni assistiamo alla sua affermazione in un movimento... Leggi tutto...
Vision 15 febbraio 2014

Sabato 15 febbraio alle ore 17.30 presso la Libreria delle Donne di Milano l'Associazione Lucrezia Marinelli ripropone il film Vision di Margarethe... Leggi tutto...
Immagine
BOOKCITY MILANO 2013

BOOKCITY MILANO 2013 VisiondiMargarethe von Trotta sabato 23 novembre, ore 17.30 La Libreria delle Donne e l’Associazione Lucrezia Marinelli, ... Leggi tutto...

email
CONTATTACI: info@lucreziamarinelli.org

Tel: 02/2482672

Tel: 02/2424640

Tel: 02/2553213

facebook


Sito realizzato da: Marco Ruberto