Lucrezia Marinelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Recensioni Da quando Otar è partito

Da quando Otar è partito

E-mail Stampa PDF

Regia di Julie Bertuccelli

Recensione di Zina Borgini

 

Lo scenario è Tbilisi, la capitale della Georgia post-sovietica. Nella città vivono Eka, Marina ed Ada, rispettivamente madre, sorella e nipote di Otar, personaggio perno della vicenda raccontata.
Anche se nel film non apparirà mai, la vita delle tre donne ruota intorno allo scandire del ricordo di Otar, che si è trasferito a Parigi in cerca di lavoro, e nell’attesa delle lettere che portano sue notizie.
Eka, la vecchia madre, nutre un incondizionato amore per il figlio lontano, quasi a renderlo un mito, Ada è costretta a un naturale affetto per questo zio assente, ed anche Marina la sorella, se pure un po’ rabbiosa e risentita per l’eccessivo amore della madre verso il figlio, è molto legata a lui.
Il film mette in luce la grande forza di queste tre donne, diverse tra loro per età, per carattere, ma molto simili nella determinazione di portare a termine i loro progetti.
Gli uomini, sono figure marginali, di passaggio o addirittura assenti come Otar, ma la regista sembra più interessata a trasmetterci l’immagine di tre donne, che costrette a cavarsela, mantengono una forte dignità, un grande umore e una capacità di aggirare gli ostacoli.
Quando Otar muore in un incidente sul lavoro, Marina e Ada, non se la sentono di dare la notizia alla madre. Per preservala dal dolore, iniziano a mettere in scena una sequenza di menzogne, tenendo in vita solo in apparenza, il loro parente.
La regista JULIE BERTUCCELLI è molto brava nel descrivere la loro esistenza, le pratiche quotidiane, i giochi affettivi e anche le piccole angherie che si scambiano, estremamente vera e sincera nella gioia e nel dolore, senza mai cadere nell’eccesso e nell’esagerazione, ci regala un bel film in cui tutte possiamo un po’ specchiarci e riconoscersi, per questo credo abbia avuto molto successo.
Il finale inoltre ribadisce la forza dell’amore che attraversata dall’accettazione della perdita, darà la possibilità a una giovane ragazza di andare incontro alla libertà.

 

News

Immagine
Rassegna l'Occhio delle Donne 2015

Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 21.00  inizia la rassegna l'Occhio delle Donne al Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 a Sesto S. Giovanni. La... Leggi tutto...
Serata per Antonia Pozzi

Sabato 11 Ottobre alla ore 18 Presso la Libreria delle Donne di Milano - Via Pietro Calvi 29 - sarà presentato il documentario Il cielo in me. Vita... Leggi tutto...
Immagine
13 Marzo - In viaggio con Cecilia

Giovedì 13 Marzo ore 20.30 al Festival di Cinema Sguardi Altrove allo Spazio Oberdan di Milano il film In viaggio con Cecilia di Cecilia... Leggi tutto...
Immagine
Rassegna 2014 - Desiderio e determinazione femminile

DESIDERIO E DETERMINAZIONE FEMMINILE Ci piace sempre parlare di libertà femminile. In questi anni assistiamo alla sua affermazione in un movimento... Leggi tutto...
Vision 15 febbraio 2014

Sabato 15 febbraio alle ore 17.30 presso la Libreria delle Donne di Milano l'Associazione Lucrezia Marinelli ripropone il film Vision di Margarethe... Leggi tutto...
Immagine
BOOKCITY MILANO 2013

BOOKCITY MILANO 2013 VisiondiMargarethe von Trotta sabato 23 novembre, ore 17.30 La Libreria delle Donne e l’Associazione Lucrezia Marinelli, ... Leggi tutto...

email
CONTATTACI: info@lucreziamarinelli.org

Tel: 02/2482672

Tel: 02/2424640

Tel: 02/2553213

facebook


Sito realizzato da: Marco Ruberto