Lucrezia Marinelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Recensioni Crisi (La)

Crisi (La)

E-mail Stampa PDF

Regia Kathryn Bigelow

Recensione di Chiara Visentin

 

Coline Serreau riprende con questo film del ’92 la sua messa a fuoco della crisi maschile nella società contemporanea. Come ha dichiarato in un’ intervista:  “le donne hanno saputo adeguarsi meglio degli uomini ai nuovi  modelli sociali “.
Purtroppo è a questa registrazione della realtà che si ferma il film. Avremmo preferito una visione più avanzata, focalizzata appunto sulla maggior  adeguatezza delle donne, rappresentataci già magistralmente dalla protagonista  di “Romuald e Juliette”.  Qui invece affiora solo qua e là, anzitutto con la madre del protagonista che  decide di riappropriarsi di una vita spesa per gli altri senza riceverne mai di  ritorno un riconoscimento simbolico. Poi con la suocera che, unica, invece di  rovesciargli addosso a sua volta i propri problemi, cerca di fargli prendere  coscienza delle sue carenze. La terza è Yamila, prossima alla morte, ma con un fortissimo senso della vita: riesce a convincerlo che l’unica via di uscita dalla “crisi” è rinunciare al narcisismo ed incominciare a “vedere” gli altri. E forse non è un caso che tutte e tre queste donne siano poste al di fuori di  quella frenetica corsa al successo, al benessere, alla felicità vissuti come  diritti In posizione addirittura antitetica allo yuppismo del protagonista e della sua  cerchia è situato Michou, un drop out che lo mette di fronte alla parzialità del suo sistema di valori. Qui la Serreau si serve del personaggio per lanciare il suo proclama contro il  razzismo, che è il non riuscire ad accettare il “diverso” sia per paura, sia per effettive difficoltà di relazione. Ma l’attacco è diretto anche contro l’insincero antirazzismo di chi non si trova mai ad incontrarsi/scontrarsi con gli immigrati. La Serreau, come sempre, sceglie di fare film commerciali (anche se di ottimo livello) proprio per esprimere le proprie idee ed opinioni, individuando nella commedia la strada più accessibile al pubblico.

 

News

Immagine
Rassegna l'Occhio delle Donne 2015

Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 21.00  inizia la rassegna l'Occhio delle Donne al Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 a Sesto S. Giovanni. La... Leggi tutto...
Serata per Antonia Pozzi

Sabato 11 Ottobre alla ore 18 Presso la Libreria delle Donne di Milano - Via Pietro Calvi 29 - sarà presentato il documentario Il cielo in me. Vita... Leggi tutto...
Immagine
13 Marzo - In viaggio con Cecilia

Giovedì 13 Marzo ore 20.30 al Festival di Cinema Sguardi Altrove allo Spazio Oberdan di Milano il film In viaggio con Cecilia di Cecilia... Leggi tutto...
Immagine
Rassegna 2014 - Desiderio e determinazione femminile

DESIDERIO E DETERMINAZIONE FEMMINILE Ci piace sempre parlare di libertà femminile. In questi anni assistiamo alla sua affermazione in un movimento... Leggi tutto...
Vision 15 febbraio 2014

Sabato 15 febbraio alle ore 17.30 presso la Libreria delle Donne di Milano l'Associazione Lucrezia Marinelli ripropone il film Vision di Margarethe... Leggi tutto...
Immagine
BOOKCITY MILANO 2013

BOOKCITY MILANO 2013 VisiondiMargarethe von Trotta sabato 23 novembre, ore 17.30 La Libreria delle Donne e l’Associazione Lucrezia Marinelli, ... Leggi tutto...

email
CONTATTACI: info@lucreziamarinelli.org

Tel: 02/2482672

Tel: 02/2424640

Tel: 02/2553213

facebook


Sito realizzato da: Marco Ruberto