Lucrezia Marinelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

NINA

E-mail Stampa PDF

NINA

Regia: Elisa Fuksas

S

 

Del film di Elisa Fuksas, al suo esordio, colpisce l’uso della macchina da presa sugli ambienti: spazi deserti, enormi edifici vuoti, che sembrano vivere in un tempo indefinito, dominano le scene in cui si muovono i personaggi per raccontarne le vite in una calda estate romana. Collocare fuori dallo spazio animato e da un tempo vissuto la storia di Nina ha il significato di dare alla narrazione la potenza di un valore universale: perché la storia dell’esistere, dell’esserci, del decidere su che fare di sé, della propria vita e del proprio futuro, possono essere raccontati ovunque anche in una città dalle enormi architetture vuote e senza tempo, dalle strade deserte, collocata in un tempo che ognuno/a decide per sé.

Dalla formazione culturale della regista deriva la sua visione cinematografica e fotografica degli spazi urbani, spazi ripresi in modo da prospettare dimensioni diverse – a volte ingigantiti, altre volte quasi senza limiti, in una specie di continuità con la natura; palazzi classicheggianti con la vita che brulica accanto a loro, esplorati e frequentati da rare figure che appaiono  come piccole creature fra pietre gigantesche, ma che in mezzo a quelle pietre camminano, si siedono, parlano, si incontrano, giocano, cioè vivono.

E’   affascinante   la   capacità   di   Elisa   Fuksas   di   far   vivere   lo   spazio   trasformandolo   sotto   i   nostri   occhi, producendo   dalle   vecchie   immagini   che   ci   hanno   appena   abbandonato   nuove   suggestioni,   con   un movimento armonioso dei personaggi che abitano quegli spazi precedentemente vuoti e che la presenza umana trasforma esaltandone altresì .la solitaria immanenza. Un gioco continuo fra le persone e l’ambiente che esse abitano.

Insieme agli altri personaggi – forse immaginari o forse reali: un ragazzino folletto, un giovane uomo che la segue, l’insegnante di scrittura cinese – si muove Nina, figura indecisa, incerta sul presente e sul futuro. La sua paura di entrare nell’età adulta, lasciando e perdendo un mondo ancora fantastico, di gioco, per chissà cosa altro, per quella normalità fatta  di un lavoro, un fidanzato-poi marito e dei figli, è qualcosa che la blocca, la rende infelice e titubante di fronte a scelte che ad un certo punto comunque le si impongono.

 

News

Immagine
Rassegna l'Occhio delle Donne 2015

Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 21.00  inizia la rassegna l'Occhio delle Donne al Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 a Sesto S. Giovanni. La... Leggi tutto...
Serata per Antonia Pozzi

Sabato 11 Ottobre alla ore 18 Presso la Libreria delle Donne di Milano - Via Pietro Calvi 29 - sarà presentato il documentario Il cielo in me. Vita... Leggi tutto...
Immagine
13 Marzo - In viaggio con Cecilia

Giovedì 13 Marzo ore 20.30 al Festival di Cinema Sguardi Altrove allo Spazio Oberdan di Milano il film In viaggio con Cecilia di Cecilia... Leggi tutto...
Immagine
Rassegna 2014 - Desiderio e determinazione femminile

DESIDERIO E DETERMINAZIONE FEMMINILE Ci piace sempre parlare di libertà femminile. In questi anni assistiamo alla sua affermazione in un movimento... Leggi tutto...
Vision 15 febbraio 2014

Sabato 15 febbraio alle ore 17.30 presso la Libreria delle Donne di Milano l'Associazione Lucrezia Marinelli ripropone il film Vision di Margarethe... Leggi tutto...
Immagine
BOOKCITY MILANO 2013

BOOKCITY MILANO 2013 VisiondiMargarethe von Trotta sabato 23 novembre, ore 17.30 La Libreria delle Donne e l’Associazione Lucrezia Marinelli, ... Leggi tutto...

email
CONTATTACI: info@lucreziamarinelli.org

Tel: 02/2482672

Tel: 02/2424640

Tel: 02/2553213

facebook


Sito realizzato da: Marco Ruberto