Lucrezia Marinelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Recensioni Notte che mia madre ammazzò mio padre (La)

Notte che mia madre ammazzò mio padre (La)

E-mail Stampa PDF

La notte che mia madre ammazzò mio padre

 

Regia: Inés Paris

Sceneggiatura: Inés Paris, Fernando Colomo

Montaggio: Angel Hernàndez Zoido

Interpreti: Belèn Rueda, Diego Peretti, Eduard Fernàndez, Maria Pujalte, Fele Martinez

Produzione: Ad Hoc Studios, Canal + España

Distribuzione: Exit Media

Paese:  Spagna 2016  -   94’

 

La notte che mia madre ammazzò mio padre, nonostante il titolo minaccioso, è una variazione teatrale e leggera del noir, incentrata sull’infinita capacità di inganno dell’attore, che vive e muore cento volte senza mai farlo davvero. Fa l’attrice Isabel (Belèn Rueda), che giunta ai fatidici 40 anni vede assottigliarsi le possibilità di lavoro. Ed è attore Diego Peretti nella parte di se stesso, chiamato dall’Argentina per un ruolo nel film scritto dal marito di Isabel, Angel (Eduard Fernàndez), sceneggiatore amante del noir. Per convincere Peretti ad accettare la parte, Angel, Isabel e l’ex moglie di Angel, Susanna (Maria Pujalte) che è anche la produttrice del film, organizzano una cena di lavoro in casa della coppia, ma a scompigliare l’atmosfera irrompono sulla scena l’ex marito di Isabel, Carlos, con la nuova fiamma, una rossa sexy e svampita. Dopo l’annuncio dell’imminente matrimonio dei due e un litigio in cucina con Isabel, Carlos accusa forti dolori….

Scritto come una pièce teatrale dalla regista Inès Paris al suo quarto film, La noche gioca sul doppio registro del mystery e dell’ironia sul ruolo dell’attore, sull’identificazione/confusione fra i ruoli e la vita reale. Diego Peretti deve la sua fama alle molti serie televisive interpretate, fra cui la versione spagnola  di un In treatment in cui recita la parte dello psicanalista (l’equivalente del nostro Castellitto): a questo si riferiscono le battute sulla terapia e le ironiche richieste di aiuto rivoltegli. Il suo accento argentino, inoltre, suona buffo o affascinante rispetto alla lingua madre europea, come sottolineato in scena (tale  aspetto verrà alterato dal doppiaggio).

Ogni dettaglio o personaggio del film ha un duplice aspetto : Diego è finto e reale, Isabel è divisa fra due uomini, la razionale e composta Susanna da ubriaca rivelerà inclinazioni segrete, mentre il mite Angel approfitterà della situazione per agire come il protagonista di uno dei suoi racconti crime.

 

Barbara Corsi – Vivilcinema  - marzo/aprile 2017

 

News

Immagine
Rassegna l'Occhio delle Donne 2015

Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 21.00  inizia la rassegna l'Occhio delle Donne al Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 a Sesto S. Giovanni. La... Leggi tutto...
Serata per Antonia Pozzi

Sabato 11 Ottobre alla ore 18 Presso la Libreria delle Donne di Milano - Via Pietro Calvi 29 - sarà presentato il documentario Il cielo in me. Vita... Leggi tutto...
Immagine
13 Marzo - In viaggio con Cecilia

Giovedì 13 Marzo ore 20.30 al Festival di Cinema Sguardi Altrove allo Spazio Oberdan di Milano il film In viaggio con Cecilia di Cecilia... Leggi tutto...
Immagine
Rassegna 2014 - Desiderio e determinazione femminile

DESIDERIO E DETERMINAZIONE FEMMINILE Ci piace sempre parlare di libertà femminile. In questi anni assistiamo alla sua affermazione in un movimento... Leggi tutto...
Vision 15 febbraio 2014

Sabato 15 febbraio alle ore 17.30 presso la Libreria delle Donne di Milano l'Associazione Lucrezia Marinelli ripropone il film Vision di Margarethe... Leggi tutto...
Immagine
BOOKCITY MILANO 2013

BOOKCITY MILANO 2013 VisiondiMargarethe von Trotta sabato 23 novembre, ore 17.30 La Libreria delle Donne e l’Associazione Lucrezia Marinelli, ... Leggi tutto...

email
CONTATTACI: info@lucreziamarinelli.org

Tel: 02/2482672

Tel: 02/2424640

Tel: 02/2553213

facebook


Sito realizzato da: Marco Ruberto