Lucrezia Marinelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Recensioni Heart of a Dog

Heart of a Dog

E-mail Stampa PDF

Heart of a Dog

Regia, Sceneggiatura, Musica, Disegni e Animazione : Laurie Anderson

I terrier e i fan di Laurie non si annoiano mai

 

di Laura Milani

Laurie Anderson (Chicago 1947) è una fantasiosa performance artist e in questo lavoro mette all’opera molte delle sue competenze che spaziano dalla musica alla fotografia, dalla scrittura al disegno e alla regia, per raccontare tracce della sua infanzia, memorie di amori fondanti, paure del presente. La voce narrante, in italiano, è la sua ed evidenzia da subito una presenza autobiografica e un forte desiderio narrativo.

New York è la sua finestra sul mondo. E’ da lì che lo sguardo si concentra sulle strade e dalle strade passa al controllo di queste attraverso le registrazioni, milioni di registrazioni di immagini e di parole che vengono conservate. Ma perché? Dopo l’11 settembre il governo americano ha moltiplicato la raccolta di informazioni che vengono immagazzinate con lo scopo, apparente, di tornare utili nel momento del crimine. Dal registro documentaristico delle immagini reali Laurie passa, in modo traslato, alla paura dei falchi di Lolabelle, l’infinitamente amato rat terrier, per spiegare che quando si prende coscienza che gli attacchi possono arrivare, del tutto imprevisti, anche dal cielo, è la postura tutta a cambiare.

Un tema centrale, contrastato e ricorrente, è legato al ricordo della madre: nel momento della sua morte, nella ricerca di un’immagine precisa che incarni la perfezione dell’amore materno e nella consapevolezza che arriva il momento in cui dobbiamo ringraziare nostra madre per aver ricevuto proprio da lei la vita. Per affrontare il tema del trapasso Laurie si affida al libro tibetano dei morti (il Bardo), un insieme di istruzioni recitate all’orecchio del morente per “non sbagliare strada” nell’aldilà. Tutta l’opera è intessuta del ricordo di amici e di compagni che non ci sono più (Gordon, Lou Reed) perché solo chi sopravvive può ricordare, può testimoniare.

Oltre agli insegnamenti del buddismo il video è costellato del pensiero di alcuni filosofi (Wittgenstein, Kierkegaard) da cui prende avvio la sua riflessione sull’importanza dell’individuo e del linguaggio: “Il linguaggio ha il potere di cambiare il mondo. Ciò di cui non si può parlare non esiste” (“Language is a virus” è il titolo di una sua canzone del 1986).

Da qui l’importanza di mettere in scena il materiale onirico, la performance artistica (la nuvola), l’immagine che si trasforma in musica e infine nuovamente in parola, sempre in posizione centrale.

In Italia L.A. è conosciuta e apprezzata per la sua originalità, per la ricerca continua di nuove sonorità e per la scelta di portare sul palco (già dagli anni Novanta) la multimedialità, scelta capace di attrarre un pubblico eterogeneo e appassionato alla sperimentazione. La sua voglia di stupire e di far pensare l’ha vista protagonista di spettacoli e performance particolari: in una di queste (2001) ha indossato la divisa di cassiera e ha servito i clienti di un McDonald's newyorkese, "per vivere dentro la globalizzazione e provare cosa significa far parte di questo processo massificato". E’ dell’anno scorso invece un suo concerto stravagante: ha deciso di esibirsi per un pubblico di soli cani, trasmesso a bassa frequenza proprio considerando il loro udito delicato; agli accompagnatori sono state distribuite della cuffie da cui ascoltare la musica.

Heart of a Dog è un’incursione nel passato dell’autrice, è una riflessione sulla memoria: ripercorre tutta la sua poetica caratterizzata da tratti ludici, teatrali, eccentrici e talvolta inquietanti. Incursione non fine a se stessa. E’ lei infatti, citando, ad affermare: “La vita può essere compresa solo andando all’indietro ma dobbiamo viverla andando avanti”.

 

 

News

Immagine
Rassegna l'Occhio delle Donne 2015

Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 21.00  inizia la rassegna l'Occhio delle Donne al Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 a Sesto S. Giovanni. La... Leggi tutto...
Serata per Antonia Pozzi

Sabato 11 Ottobre alla ore 18 Presso la Libreria delle Donne di Milano - Via Pietro Calvi 29 - sarà presentato il documentario Il cielo in me. Vita... Leggi tutto...
Immagine
13 Marzo - In viaggio con Cecilia

Giovedì 13 Marzo ore 20.30 al Festival di Cinema Sguardi Altrove allo Spazio Oberdan di Milano il film In viaggio con Cecilia di Cecilia... Leggi tutto...
Immagine
Rassegna 2014 - Desiderio e determinazione femminile

DESIDERIO E DETERMINAZIONE FEMMINILE Ci piace sempre parlare di libertà femminile. In questi anni assistiamo alla sua affermazione in un movimento... Leggi tutto...
Vision 15 febbraio 2014

Sabato 15 febbraio alle ore 17.30 presso la Libreria delle Donne di Milano l'Associazione Lucrezia Marinelli ripropone il film Vision di Margarethe... Leggi tutto...
Immagine
BOOKCITY MILANO 2013

BOOKCITY MILANO 2013 VisiondiMargarethe von Trotta sabato 23 novembre, ore 17.30 La Libreria delle Donne e l’Associazione Lucrezia Marinelli, ... Leggi tutto...

email
CONTATTACI: info@lucreziamarinelli.org

Tel: 02/2482672

Tel: 02/2424640

Tel: 02/2553213

facebook


Sito realizzato da: Marco Ruberto