Lucrezia Marinelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Recensioni Via Castellana Bandiera

Via Castellana Bandiera

E-mail Stampa PDF

Via Castellana Bandiera un film di Emma Dante

Italia – Svizzera - Francia 2013 - 90’

 

Via Castellana Bandiera, strada periferica di Palermo, stretta fra case fatiscenti e un muro che la separa da un dirupo, è la scena teatralmente cinematografica dell’esordio di Emma Dante, il luogo scelto per lo scontro, il conflitto tra due donne. Per la regista è anche il luogo del riconnettersi con il suo sé, le sue radici, dell’interrogarsi sul suo complesso rapporto con la città, con quello che rappresenta e ha rappresentato, e con le parti profonde, dolorose e inconfessate del rapporto con la madre.

Una lotta epica -  un duello western a detta di molti - non dichiarata per o a nome degli uomini, ma per avere strada, ognuna per avere la propria  e proseguire con ostinazione e determinazione nella direzione scelta, secondo le proprie ragioni.

Una giovane e una anziana, su due macchine, in una calda giornata d’estate palermitana. Da una parte Samira (sublime l’interpretazione di Elena Cotta, Coppa Volpi alla 70° Mostra del Cinema di Venezia), dall’altra Rosa (nella realistica interpretazione della stessa Emma Dante) con la sua compagna Clara (Alba Rohrwacher), nessuna disposta a dare strada, a cedere e a fare retromarcia.

Quello che inizialmente appare come un puntiglio di donne, un’ostinazione facilmente risolvibile con il buon senso, diventa qualcosa di più grande. In gioco c’è ben altro: due volontà, due generazioni  conflìggono, ma non solo.  A farsi la guerra e a mettere in campo tutta la loro forza sono due mondi, sistemi di riferimento e ordini simbolici opposti.

Samira è la mater dolorosa. Colei che a tutto resiste e tutto accetta per amore di una figlia, ormai sepolta, e di un nipote, e che tutto affida ad un genero prepotente e profittatore e  alla sua famiglia vorace e becera, come del resto fanno le altre donne del clan; è la resistente, la combattente in un mondo maschile che fa i suoi affari mentre le donne fanno i figli – maschi e femmine –  li nutrono, li curano e li piangono; è la straniera che ha deciso di andarsene.

Rosa, che da quei luoghi e da quel mondo è fuggita da tempo,  rivoltandosi contro un materno da cui si sente rigettata, e che sulla vecchia rivive intricate proiezioni di un passato dai cui nodi forse non si è ancora sciolta, sta in un presente dove altri sono  i suoi riferimenti, la sua dimensione di libertà, i suoi desideri di donna nella piena espressione della propria sessualità.

Mentre la giornata calda, soffocante e litigiosa,  diventa notte portando silenzio e quiete tra gli abitanti della via, le  due donne, ormai sole, rendono sempre più simbolica la sfida: si osservano negli occhi dai parabrezza delle rispettive macchine, misurano la loro forza e la capacità di mantenere la posizione, in un silenzio di sguardi e di gesti, nonostante la stanchezza segni le loro facce e logori i corpi. In quella contesa sono lì entrambe con tutta la loro vita reggendo una tensione drammaticamente ed emotivamente devastante.

Metafora del conflitto e dell’uso della forza fino ad un esito fatale,  il film, con  un finale sospeso dietro la macchina da presa, chiude su  un’alba dove tutto si è sciolto e risolto e su un vicolo che assume  via via un’altra dimensione diventando un’illusione mentale piuttosto che uno spazio reale.

 

 

News

Immagine
Rassegna l'Occhio delle Donne 2015

Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 21.00  inizia la rassegna l'Occhio delle Donne al Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 a Sesto S. Giovanni. La... Leggi tutto...
Serata per Antonia Pozzi

Sabato 11 Ottobre alla ore 18 Presso la Libreria delle Donne di Milano - Via Pietro Calvi 29 - sarà presentato il documentario Il cielo in me. Vita... Leggi tutto...
Immagine
13 Marzo - In viaggio con Cecilia

Giovedì 13 Marzo ore 20.30 al Festival di Cinema Sguardi Altrove allo Spazio Oberdan di Milano il film In viaggio con Cecilia di Cecilia... Leggi tutto...
Immagine
Rassegna 2014 - Desiderio e determinazione femminile

DESIDERIO E DETERMINAZIONE FEMMINILE Ci piace sempre parlare di libertà femminile. In questi anni assistiamo alla sua affermazione in un movimento... Leggi tutto...
Vision 15 febbraio 2014

Sabato 15 febbraio alle ore 17.30 presso la Libreria delle Donne di Milano l'Associazione Lucrezia Marinelli ripropone il film Vision di Margarethe... Leggi tutto...
Immagine
BOOKCITY MILANO 2013

BOOKCITY MILANO 2013 VisiondiMargarethe von Trotta sabato 23 novembre, ore 17.30 La Libreria delle Donne e l’Associazione Lucrezia Marinelli, ... Leggi tutto...

email
CONTATTACI: info@lucreziamarinelli.org

Tel: 02/2482672

Tel: 02/2424640

Tel: 02/2553213

facebook


Sito realizzato da: Marco Ruberto