Lucrezia Marinelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Recensioni Corpo celeste

Corpo celeste

E-mail Stampa PDF

 

Regia e sceneggiatura di Alice Rohrwacher   

 

Un bell’esordio di Alice Rohrwacher nella regia con un film selezionato a Cannes  per la Quinzaine des Realisateurs, sull’adolescenza e sui  riti di passaggio al mondo adulto da cui, Marta, la protagonista tredicenne, forse vuole scappare come fa intendere simbolicamente nella scena finale, con un gesto di ribellione che è anche di speranza. Perché quel mondo fatto di regole incomprensibili, di cerimonie  svuotate di senso, di rapporti convenzionali e ipocriti non può che risultarle estraneo.

Marta, il suo corpo e il suo sguardo, aperto curioso libero, è il motore attraverso cui il film sviluppa la sua storia. Le sue solitarie passeggiate per strade in cui il vento fa mulinelli con la spazzatura, mostrano il quartiere di una periferia desolata preda della speculazione edilizia, quella di Reggio Calabria, dove lei, la madre e la sorella maggiore, si sono recentemente trasferite dalla Svizzera: una migrazione di ritorno, conseguenza della crisi economica. Le osservazioni dal tetto del condominio dei giochi di ragazzini alla fiumara,  le ore trascorse chiusa nel bagno, intenta a controllare i cambiamenti del proprio corpo, in uno stato di attesa e di desiderio e  le sue ribellioni, sono fra le tante  immagini del  film che emotivamente ci introducono e  raccontano lo stato di spaesamento della giovane: la sua adolescenza e il rapporto con una realtà sconosciuta.

Partendo da una trama semplice con un personaggio forte, un’adolescente che ha lo sguardo ancora pulito sul mondo, arricchendola di simbolismi e di allegorie – spettacolare la scena del crocifisso ‘volato’ in mare e in balia delle onde -,  la regista racconta i legami di una comunità  stretta  fra un passato arcaico e una modernità  derivata quasi esclusivamente dal mezzo televisivo.

L’occasione della narrazione è la Cresima, tradizionale momento di passaggio per le/i giovani e di incontro tra persone che nella Chiesa trovano uno fra i pochi luoghi  di aggregazione.

Marta vi si accosta con   curiosità e  con  l’adesione di chi vede nelle ore di catechismo anche l’occasione di nuove amicizie. Dalle lezioni della signora Santa, imparerà solo vuote formule da mandare a memoria di cui non capisce il senso; né otterrà di più dal parroco impegnato a raccogliere  voti per il candidato favorito dalla Curia, nella prospettiva di una promozione.

La Chiesa appare un guscio vuoto, una struttura di facciata che ha perduto il senso della sua funzione spirituale, che organizza  cerimonie di cresimandi simili a siparietti televisivi, nell’illusione di accostarsi ai fedeli, sempre più lontani e indifferenti, mentre l’unico ad avere le risposte ai suoi dubbi è un vecchio sacerdote di un borgo abbandonato di montagna.

Regia e sceneggiatura (della stessa Rohrwacher) sono precise e calibrate,  tese a ottenere il meglio dai volti e dai corpi dei personaggi; il cast si avvale di un gruppo di talentuosi  non professionisti, tra cui la giovane protagonista Yle Vianello e Pasqualina Scuncia (la signora Santa).

 

 

 

 

 

 

 

News

Immagine
Rassegna l'Occhio delle Donne 2015

Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 21.00  inizia la rassegna l'Occhio delle Donne al Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 a Sesto S. Giovanni. La... Leggi tutto...
Serata per Antonia Pozzi

Sabato 11 Ottobre alla ore 18 Presso la Libreria delle Donne di Milano - Via Pietro Calvi 29 - sarà presentato il documentario Il cielo in me. Vita... Leggi tutto...
Immagine
13 Marzo - In viaggio con Cecilia

Giovedì 13 Marzo ore 20.30 al Festival di Cinema Sguardi Altrove allo Spazio Oberdan di Milano il film In viaggio con Cecilia di Cecilia... Leggi tutto...
Immagine
Rassegna 2014 - Desiderio e determinazione femminile

DESIDERIO E DETERMINAZIONE FEMMINILE Ci piace sempre parlare di libertà femminile. In questi anni assistiamo alla sua affermazione in un movimento... Leggi tutto...
Vision 15 febbraio 2014

Sabato 15 febbraio alle ore 17.30 presso la Libreria delle Donne di Milano l'Associazione Lucrezia Marinelli ripropone il film Vision di Margarethe... Leggi tutto...
Immagine
BOOKCITY MILANO 2013

BOOKCITY MILANO 2013 VisiondiMargarethe von Trotta sabato 23 novembre, ore 17.30 La Libreria delle Donne e l’Associazione Lucrezia Marinelli, ... Leggi tutto...

email
CONTATTACI: info@lucreziamarinelli.org

Tel: 02/2482672

Tel: 02/2424640

Tel: 02/2553213

facebook


Sito realizzato da: Marco Ruberto