Lucrezia Marinelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Recensioni Travaux - Lavori di casa

Travaux - Lavori di casa

E-mail Stampa PDF

Regia Brigitte Rouan

Recensione di Laura Modini

Strano questo film: leggero forse fin troppo, paludato per i temi socioculturali che lo sottende. Non è un caso che ha trovato ammiratori (specie in Francia) e detrattori (in Italia).
Brigitte Roüan, nei suoi film (recitati o diretti) non è mai “qualunque”. Splendida sessantenne, inizia la sua carriera di attrice che continua tutt’ora, nel 1971. Passa alla regia nel 1985 quando incinta e senza scritture (chi vuole una donna attrice incinta?) scrive un romanzo che poi riduce in un cortometraggio, pluripremiato: “Grosse”, interpetato da lei futura madre e dal bimbo ancora nel grembo.
Originalissimo il film precedente a questo “Travaux”: “Post coitum animal triste” del 1997 mai passato in Italia. E’ la storia di una passione amorosa di una donna “matura”, madre di famiglia, realizzata. Oggetto di tale fatale passione: uno stupendo venticinquenne. Il titolo, tratto dall’Arte di Amare di Ovidio, per i nostri distributori forse era parso un miscuglio di hard e post femminismo non permettendone mai l’uscita nel nostro paese.
Sulla scia di una fantasia impetuosa ecco che “Travaux” inizia con una arringa surreale con la quale l’avvocata Chantal (una algida e bellissima Carole Bouquet) cerca di “concupire”un verdetto favorevole da parte di una giuria sbalordita.
Questa partenza esuberante non è sufficiente per sostenere e dipanare un tema così complesso come quello dei “sans papier”e il film che si vuol proporre come commedia brillante non riesce di fatto a decollare mai.
Forse l’eccessiva preoccupazione di non tediare lo spettatore con i grandi problemi nel nostro oggi spinge in modo eccessivo a una leggerezza che vuole essere spumeggiante ma che di fatto banalizza tutto.
Credibilità, verosimiglianza, drammaticità, comicità: troppa carne al fuoco.
Ma chissà, forse l’obiettivo ultimo e profondo viene raggiunto: la perplessità di fronte a situazioni che pur vere vengono stravolte da una rigida messa in scena da granghignol si tramuta in curiosità e bisogno di chiarezza.
Per una regista che vive con energia gioiosa il suo presente è un gran bel risultato.
Per noi dopo tanto ridere, spesso a denti stretti, il bisogno di chiarire e, di fatto, di discutere.

 

News

Immagine
Rassegna l'Occhio delle Donne 2015

Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 21.00  inizia la rassegna l'Occhio delle Donne al Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 a Sesto S. Giovanni. La... Leggi tutto...
Serata per Antonia Pozzi

Sabato 11 Ottobre alla ore 18 Presso la Libreria delle Donne di Milano - Via Pietro Calvi 29 - sarà presentato il documentario Il cielo in me. Vita... Leggi tutto...
Immagine
13 Marzo - In viaggio con Cecilia

Giovedì 13 Marzo ore 20.30 al Festival di Cinema Sguardi Altrove allo Spazio Oberdan di Milano il film In viaggio con Cecilia di Cecilia... Leggi tutto...
Immagine
Rassegna 2014 - Desiderio e determinazione femminile

DESIDERIO E DETERMINAZIONE FEMMINILE Ci piace sempre parlare di libertà femminile. In questi anni assistiamo alla sua affermazione in un movimento... Leggi tutto...
Vision 15 febbraio 2014

Sabato 15 febbraio alle ore 17.30 presso la Libreria delle Donne di Milano l'Associazione Lucrezia Marinelli ripropone il film Vision di Margarethe... Leggi tutto...
Immagine
BOOKCITY MILANO 2013

BOOKCITY MILANO 2013 VisiondiMargarethe von Trotta sabato 23 novembre, ore 17.30 La Libreria delle Donne e l’Associazione Lucrezia Marinelli, ... Leggi tutto...

email
CONTATTACI: info@lucreziamarinelli.org

Tel: 02/2482672

Tel: 02/2424640

Tel: 02/2553213

facebook


Sito realizzato da: Marco Ruberto