Lucrezia Marinelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Recensioni Oltre il silenzio

Oltre il silenzio

E-mail Stampa PDF

Regia Karen Arthur

Recensione di Laura Modini

 

Il nostro viaggio lungo il rapporto madre e figlie, prosegue con questo film dove non c’è apologia del rapporto madre-figlia ma anzi la non accettazione materna di una figlia minorata. Certamente la conflittualità madre-figlia da sempre esistita e snodatasi lungo i secoli attende ancora una sua ricomposizione; forse oggi ne stiamo gettando le basi.
La madre del film è una donna benestante, amata dal marito. Solo non ha risolto il suo rapporto con la figlia, non è riuscita a plasmarla come doveva essere fatto. La figlia é fuggita, si é creata una sua vita anche felice. Ha impedito alla madre di interferire nel suo mondo così che i due mondi non comunicano: non possono e non vogliono comunicare. Però in questo caso la figlia ha ragione: l’incomunicabilità è nata proprio dalla madre che della figlia non accetta nulla, compresa la minorazione. Non ha fatto neanche il passo fondamentale di apprendere il linguaggio dei sordomuti che anzi disprezza e disapprova.
Quando la tragedia rimette in discussione gli equilibri così faticosamente conquistati troviamo una madre vigorosa e nel pieno dei suoi poteri; una figlia distrutta dal dolore, senza più riferimenti ma comunque conscia del suo diritto a vivere la sua vita e a lottare per la sua bambina contesale dalla madre.
L’insanabile contrasto sembra portare all’appropriazione da parte della madre della nipotina, e qui, grande concessione della regista al sistema patriarcale, fa intervenire il padre che pone un ricatto affettivo alla moglie scegliendo la figlia.
Quando la tensione si scioglierà e finalmente la madre accetterà il mondo della figlia rimane il problema di fondo, il dubbio della scelta materna: è stato l’amore per il marito o per la figlia a metterla in discussione?
Noi vogliamo propendere per la seconda perché è la scelta che ci appartiene. E poi amare la madre in una lunga catena di amore porta ad amare la figlia su basi completamente diverse, in una ricomposizione del conflitto all’interno del nostro essere.

 

News

Immagine
Rassegna l'Occhio delle Donne 2015

Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 21.00  inizia la rassegna l'Occhio delle Donne al Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 a Sesto S. Giovanni. La... Leggi tutto...
Serata per Antonia Pozzi

Sabato 11 Ottobre alla ore 18 Presso la Libreria delle Donne di Milano - Via Pietro Calvi 29 - sarà presentato il documentario Il cielo in me. Vita... Leggi tutto...
Immagine
13 Marzo - In viaggio con Cecilia

Giovedì 13 Marzo ore 20.30 al Festival di Cinema Sguardi Altrove allo Spazio Oberdan di Milano il film In viaggio con Cecilia di Cecilia... Leggi tutto...
Immagine
Rassegna 2014 - Desiderio e determinazione femminile

DESIDERIO E DETERMINAZIONE FEMMINILE Ci piace sempre parlare di libertà femminile. In questi anni assistiamo alla sua affermazione in un movimento... Leggi tutto...
Vision 15 febbraio 2014

Sabato 15 febbraio alle ore 17.30 presso la Libreria delle Donne di Milano l'Associazione Lucrezia Marinelli ripropone il film Vision di Margarethe... Leggi tutto...
Immagine
BOOKCITY MILANO 2013

BOOKCITY MILANO 2013 VisiondiMargarethe von Trotta sabato 23 novembre, ore 17.30 La Libreria delle Donne e l’Associazione Lucrezia Marinelli, ... Leggi tutto...

email
CONTATTACI: info@lucreziamarinelli.org

Tel: 02/2482672

Tel: 02/2424640

Tel: 02/2553213

facebook


Sito realizzato da: Marco Ruberto