Lucrezia Marinelli

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home

Tomboy

E-mail Stampa PDF

Tomboy  un film di Céline Sciamma   - Francia 2011  - durata 82’

Il film Tomboy della regista francese Céline Sciamma, di cui è anche sceneggiatrice, racconta bene una storia delicata e tenera  che merita attenzione.

Laure, dieci anni, si è appena trasferita con la famiglia in un altro quartiere. Approfittando del nuovo ambiente e dell’errore di Lisa, la ragazzina  che per prima dandole il benvenuto la scambia per un maschio, d’impulso accetta l’equivoco per giocarsi in un sesso che le piace di più: i ‘giochi dei maschi’, più dinamici e movimentati da sempre sono i suoi preferiti. Diventa così Michaël. Il malinteso è facilitato dal suo abbigliamento essenziale - maglietta e pantaloncini, capelli punk - e da un che di indefinito e incerto nell’atteggiamento.    Perché non chiarisca subito e lasci l’altra nell’errore non è spiegato, uno di quegli impulsi  illogici dell’infanzia.

Laure per tutta l’estate porta avanti la sua bugia diventando un ragazzino fra gli altri del gruppo, gareggiando, giocando a calcio a torso nudo, tuffandosi nel laghetto con le sole mutandine. E il suo corpo così esile e ancora infantile  l’aiuta. Al suo fianco  c’è sempre Lisa, lieder indiscussa, che per lei/lui prova una particolare predilezione.

La menzogna, però, più di tanto non può essere portata avanti, anche se sostenuta dalla sorellina minore Jeanne, la cui straripante simpatia dà leggerezza ai momenti di tensione del film.

Il mondo degli adulti è sideralmente lontano, mentre bellissime immagini di giochi nel bosco mostrano in un continuo e sfrenato confronto, contatto e  scontro di corpi in movimento,  la pienezza della libertà,  la  gioia e l’inesauribile energia del gruppo di preadolescenti, in cui i ruoli - maschile e femminile – sono indiscutibilmente definiti.

Lo stato d’incertezza di Laure sulla propria identità sessuale e la sua fuga inconsapevole – è troppo piccola e confusa per capire – da uno stereotipo per diventare prigioniera di un altro, sono  espressi in immagini significative che la mostrano di fronte allo specchio, nel continuo esame e confronto del proprio corpo,  o  in osservazione e imitazione del comportamento dei maschi.

Coglie di sorpresa l’eccessiva severità della madre - fino a quel momento piuttosto assente - nel riportare la figlia alla realtà. Se da un lato il suo  intervento  ha l’urgenza della necessità, dall’altro il film sembra affermare un  suo ruolo  repressivo all’interno della famiglia, affidando al padre quello più ludico. O  forse, per la regista, è un semplice riferimento autobiografico.

Con grande sensibilità è sviluppato il rapporto fra le due ragazzine, Laure e Lisa, per le quali  la fine degli equivoci segna l’inizio di una vera amicizia.

Alla regia attenta di Céline Sciamma va riconosciuto il merito di ben mostrare come la costruzione dell’identità sessuale sia per Laure, come per tutte le bambine, un processo complesso, e non deterministico, in cui la soggettività e i desideri di libertà diventano preminenti.

Presentato alla Berlinale 2011 è stato premiato con il Teddy Award e al 26° Torino GLBT  Film Festival ha ottenuto il premio del pubblico e della giuria.

 Silvana ferrari

 

 

News

Immagine
Rassegna l'Occhio delle Donne 2015

Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 21.00  inizia la rassegna l'Occhio delle Donne al Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 a Sesto S. Giovanni. La... Leggi tutto...
Serata per Antonia Pozzi

Sabato 11 Ottobre alla ore 18 Presso la Libreria delle Donne di Milano - Via Pietro Calvi 29 - sarà presentato il documentario Il cielo in me. Vita... Leggi tutto...
Immagine
13 Marzo - In viaggio con Cecilia

Giovedì 13 Marzo ore 20.30 al Festival di Cinema Sguardi Altrove allo Spazio Oberdan di Milano il film In viaggio con Cecilia di Cecilia... Leggi tutto...
Immagine
Rassegna 2014 - Desiderio e determinazione femminile

DESIDERIO E DETERMINAZIONE FEMMINILE Ci piace sempre parlare di libertà femminile. In questi anni assistiamo alla sua affermazione in un movimento... Leggi tutto...
Vision 15 febbraio 2014

Sabato 15 febbraio alle ore 17.30 presso la Libreria delle Donne di Milano l'Associazione Lucrezia Marinelli ripropone il film Vision di Margarethe... Leggi tutto...
Immagine
BOOKCITY MILANO 2013

BOOKCITY MILANO 2013 VisiondiMargarethe von Trotta sabato 23 novembre, ore 17.30 La Libreria delle Donne e l’Associazione Lucrezia Marinelli, ... Leggi tutto...

Sito realizzato da: Marco Ruberto